Home News Scuola secondaria - Redi Breve guida all’Indirizzo musicale (FAQ)

Breve guida all’Indirizzo musicale (FAQ)

219
0

Breve guida all’Indirizzo musicale (FAQ)

Il corso ad indirizzo musicale fa parte dell’offerta formativa dell’Istituto, ha durata triennale, ed è gratuito.

Esso rappresenta un modo diverso di vivere la Scuola e di viversi a scuola.

Durante le lezioni di insieme e i concerti, gli studenti dell’Indirizzo si incontrano anche con compagni che non sono i loro abituali compagni di classe e, suonando insieme, creano legami basati sul rispetto, sull’ascolto reciproco e sulla voglia di immergersi in una comune passione. Si scoprono in una veste nuova e imparano a mettere in gioco tutti se stessi con serenità e divertimento.

Grazie alle lezioni individuali, hanno anche modo di approfondire la materia attraverso un percorso personalizzato.

Mediante lo studio della Musica e dello Strumento gli allievi non solo ampliano il proprio orizzonte culturale entrando in contatto con diversi generi, stili ed epoche ma anche affinano le proprie capacità motorie, percettive e analitiche, relazionali e di gestione emotiva.

Questa attività coinvolge infatti contemporaneamente e in maniera costante le sfere: percettivo-motoria, logica e affettivo sociale.

Come ci si iscrive all’Indirizzo Musicale?

Occorre scegliere questa opzione sul modulo di iscrizione alla Scuola secondaria Redi ed indicare, sullo stesso modulo, l’ordine di preferenza dello Strumento.

Dopo il termine delle iscrizioni, gli alunni che hanno scelto l’Indirizzo, parteciperanno a una semplice prova a carattere orientativo-attitudinale.

La prova di ammissione non prevede conoscenze musicali pregresse.

In cosa consiste la prova attitudinale?

Ciascun Indirizzo musicale ha un numero limitato di posti ogni anno, che corrisponde al numero di allievi di una classe. Anche il numero di allievi per Strumento è limitato.

Per questo motivo, il Ministero prevede una prova orientativa. Essa ha una parte collettiva scritta della durata di circa trenta minuti e un momento individuale orale di 10/15 minuti.

Non sono necessarie conoscenze pregresse.

Entro un mese dalla prova viene pubblicato l’elenco degli alunni ammessi all’Indirizzo Musicale e lo Strumento loro assegnato.

Scegliere l’Indirizzo vincola alla scelta di una delle due seconde lingue?

La scelta della seconda lingua è libera: l’Indirizzo musicale è trasversale a tre sezioni: una in cui si studia la lingua Francese, una in cui si studia la lingua Spagnolo e la terza del Tempo prolungato.

Quanto e quale impegno è richiesto?

L’insegnamento delloStrumento musicale è pomeridiano. Sono previsti due rientri:  uno per la lezione collettiva di musica di insieme (piccolo gruppo, orchestra, teoria), l’altro per la lezione individuale di Strumento.

L’orario della lezione collettiva è stabilito dalla Scuola a inizio anno, quello della lezione individuale è concordato insieme alle famiglie a Settembre.

E’ previsto che l’allievo faccia pratica a casa durante la settimana e partecipi a concerti, saggi e uscite.

E’ necessario possedere lo Strumento?

Sì, occorre disporre dello Strumento anche a casa. L’insegnante potrà dare utili consigli in caso di necessità di acquisto (per trovare il miglior rapporto qualità/prezzo). Esistono anche forme convenienti di noleggio. Le famiglie con difficoltà economiche possono richiedere alla Scuola il comodato d’uso. Per il pianoforte la scuola non può garantire la possibilità del comodato d’uso.

A cura della prof.ssa Chiara Quattrini